La scelta del divano

Consigli pratici.

Sicuri di saper scegliere un divano? Si perchè il divano non è solo un mobile d’arredo è molto di più, un concentrato di puro relax che deve essere bello, comodo ed arredare la stanza, ma non riempirla eccessivamente, una presenza funzionale. E’ un elemento fondamentale nel contesto di una casa, sia esso posizionato in salotto che in altri luoghi dell’abitazione, perché punto d’incontro o anche, perché no, di generose “sieste” pomeridiane.
Per acquistare il divano perfetto, ecco qualche utile suggerimento, un aiuto in aggiunta alla vostra fantasia e al vostro buon gusto, che potrà essere utile nella scelta del sofà dei sogni ed eviterà spiacevoli errori, così da non ritrovarsi con un elemento d’arredo eccessivamente grande o non adatto all’arredo circostante.

1 – Le dimensioni del divano

Sembrerà banale ma la prima regola per sceglierlo è valutare, metro alla mano, lo spazio disponibile. Inoltre occorrerà tenere in considerazioni altri riferimenti, come la posizione rispetto alla tv, che deve prevedere uno spazio sufficiente per una corretta visione, utile a tutte le persone sedute. Un divano proporzionato alla stanza, che non impatti con il mobilio esistente, è funzionale e comodo allo stesso tempo, inoltre non deve intralciare nell’apertura delle ante dei mobili o essere troppo vicino all’ingresso della stanza per non ostacolare il normale transito. Nel caso di divano letto prevedere di misurare l’apertura. Anche in questo caso, deve rimanere spazio sufficiente a poter camminare almeno sui due lati del divano letto.

2 – La forma

In una casa con un ingresso che affaccia direttamente sul living, una valida soluzione può essere quella di scegliere un divano angolare che posto più o meno al centro dell’ambiente sarà perfetto per dividere un’area dall’altra, creando otticamente una divisione degli spazi. Il divano singolo a due o tre sedute è invece la scelta vincente in quelle camere dalle dimensioni ridotte.

3 – L’estetica

Il colore del divano gioca un ruolo fondamentale che deve quanto più in sintonia con l’ambiente che lo circonda. L’idea di abbinarlo ai tessili della stanza creerà un effetto particolarmente apprezzato dagli amanti del design, quindi via libera agli accostamenti con tappeti, cuscini e tendaggi. Se amate le linee classiche, i rivestimenti a righe saranno perfetti, sia nelle tonalità chiare che scure. Quando la stanza è piccola, scegliere un divano con un colore chiaro contribuirà ad “allargare” otticamente la stanza. Bando quindi ai colori scuri quando la stanza è piccina.

4 – Il divano in pelle

I divani in pelle sono belli, assolutamente eleganti e adatti a tutti gli arredi, sia classici che moderni. Impeccabili nel donare raffinatezza all’ambiente e insuperabili nel creare calore e morbidezza che si riscontrano al tatto. Le comuni pelli utilizzate per rivestire un divano possono suddividersi nelle seguenti categorie:
  • Pelle fiore o mezzo fiore: è la qualità di pelle più pregiata, ed è lo strato più esterno della pelle, dove praticamente sono visibili i pori della pelle dell’animale. E’ una pelle molto resistente e morbida; fatta per durate nel tempo.
  • Pelle stampata o a grana naturale: La pelle stampata è definita anche pelle corretta. Esistono pelli con stampe più o meno profonde, che propongono un disegno che viene definito “stampa a dollaro o Madras.” La pelle stampata alla vista è più uniforme della pelle naturale perché durante il processo di stampa della pelle, la superficie è compressa.
  • Pelle nabuk: è un tipo di pelle dove viene mantenuta anche la prima parte del pelo dell’animale opportunamente rasata. E’ una pelle morbida e molto pregiata, ma altrettanto delicata.
  • Pelle crosta: ovvero la parte inferiore della pelle, quella che sta nella parte interna del derma. E’ di sicura una pelle meno pregiata rispetto al primo fiore.
  • Pelle rigenerata. E’ un tipo di rivestimento scadente composto da un mix di pelle di scarto (circa l’80%) e altri composti misti. La durata è simile a quella di una finta pelle e invecchiando si deteriora inesorabilmente.

5 – Il divano in tessuto

Allegria, colore e fantasia. Con i tessuti si può giocare e modificare l’ambiente. Scegliere un divano nuovo rivestito di un tessuto frizzante e glamour, è la scelta più pratica per rinnovare l’ambiente. Sinonimo di praticità, i tessuti in commercio offrono un’elevata resistenza alle macchie e inoltre sono idrorepellenti. In una famiglia con bambini ancora piccoli è la scelta vincente, perché con poca manutenzione si avrà sempre un divano perfetto e igienicamente adatto ad accogliere i più piccini. Sempre riguardo ai bimbi piccoli, è preferibile scegliere colori scuri o con fantasie geometriche, evitando il bianco e i colori pastello.
Facci sapere come la pensi sulla scelta, i dubbi e quale sarebbe il prodotto che ritieni più indicato alle tue esigenze.

 

 

Nuove Offerte e Promozioni Cucine