I nostri consigli per l’installazione della tua stufa a pellet.

Si uniscono alla semplicità di installazione di una stufa a pellet, il calore della visione della fiamma, rendimenti elevati, piccoli ingombri, costi di gestione contenuti e, da non dimenticare, risparmio energetico!

Il pellet è infatti il combustibile ecologico per eccellenza, poiché deriva dallo scarto della lavorazione del legno, il quale, in tal modo, non va perduto.

In questo modo si sfruttano i vantaggi del legno, senza però le sue caratteristiche negative: il pellet ha umidità molto bassa e non è praticamente presente polvere.

La combustione in questo modo è facilitata e allungata.

Scegliere una stufa a pellet  per il riscaldamento di un ambiente è oltremodo intelligente:

  •     innanzitutto installare una stufa a pellet è semplice e veloce
  •     ha rendimenti elevati
  •     occupa poco spazio
  •     si bruciano combustibili ecologici e di facile reperimento
  •     i combustibili sono insacchettati e quindi facilitano lo stoccaggio

Prima di acquistare e installare una stufa occorre però valutarne con attenzione le caratteristiche, per essere sicuri che soddisfino le esigenze della propria casa e che l’installazione non comporti spese eccessive e non necessarie. Per prima cosa nella scelta del modello occorre conoscere quanti metri quadri (o meglio metri cubi) si vogliono riscaldare, logicamente una stufa più grande permette di riscaldare ambienti più grandi!

 

Dove si può installare una stufa a pellet?

Nella scelta dello spazio in cui effettuare l’installazione occorre valutare alcuni aspetti fondamentali:

  • occorre prevedere un’adeguata distanza da tende, mobili o altri materiali infiammabili
  • la stufa ha bisogno di “respirare”, quindi nella stanza è necessario che ci sia un adeguato ricambio d’aria e,  dove necessario, occorre portare all’esterno anche il tubo di presa d’aria della stufa
  • la stufa ha bisogno di un (piccolo) apporto di energia elettrica, assicuratevi che nella vicinanza sia disponibile una presa, logicamente dotata di messa a terra
  • lo scarico dei fumi può avvenire attraverso una canna fumaria preferibilmente verticale, senza contorsioni

L’installazione di una stufa a pellet può sembrare a prima vista un’operazione semplice, tuttavia, nonostante sia possibile trovare tante guide sul fai da te, consigliamo sempre di affidarsi a professionisti del settore.

 Quali sono gli errori più comuni commessi durante l’installazione di una stufa a pellet?

La combustione, e quindi laddove c’è qualcosa che brucia, produce sempre fumi e gas di scarico: non esistono quindi in commercio stufe a pellet senza canna fumaria!
Il vantaggio di una stufa a pellet è nelle ridotte dimensioni dello scarico fumi: la tubazione di espulsione dei fumi ha un diametro di soli 8 cm!
Prima dell’intervento del legislatore era possibile lo scarico a parete: la nuova norma in materia di installazione di condotti e canne fumarie (UNI 10683) vieta tassativamente l’installazione di canne fumarie a parete. Quindi tutte le canne fumarie devono necessariamente essere portate a tetto.
Spesso in alcune abitazioni è già presente una canna fumaria, magari per la presenza di un vecchio camino o di una stufa a legna: sconsigliamo di utilizzarla per realizzare la canna fumaria della stufa a pellet, in quanto potrebbero insorgere problemi di tenuta, con fuoriuscita di fumo.

Tuttavia, è possibile impiegare la canna esistente come canale per inserire la nuova canna fumaria, evitando gli eventuali bruschi cambiamenti di direzione, così da limitare il più possibile i problemi di tiraggio ed i lavori in casa.

 

Poniamo molta cura ad un settore in forte crescita, con una vasta gamma di prodotti riusciamo a dare calore all’ interno della Vostra casa.